Generale

Botulismo nei cavalli

Botulismo nei cavalli

Il botulismo è causato da una tossina, o veleno, prodotta dal batterio, Clostridium botulinum. Questa tossina agisce bloccando le sinapsi tra nervi e muscoli e, alla fine, tutti i muscoli falliscono, compresi i muscoli respiratori.

C. botulinum è un batterio anaerobico a formazione di spore. Ciò significa che in seguito all'esposizione all'aria, il batterio entra in uno stadio dormiente, formando una spora. Questa spora può sopravvivere indefinitamente nel terreno. Nelle giuste condizioni, il batterio può entrare in attività e produrre grandi quantità di tossina.

Esistono tre modi principali in cui il batterio può entrare nel corpo del cavallo e causare la malattia che conosciamo come botulismo.

  • Avvelenamento da foraggio
  • Botulismo tossicoinfettivo o sindrome del puledro di Shaker
  • Avvelenamento da ferite

    Cosa guardare

  • Debolezza che può migliorare temporaneamente con il riposo
  • Tremori muscolari
  • sbavando
  • Incapacità di deglutire correttamente il cibo
  • Lingua sporgente
  • Palpebre cadenti
  • Pupille dilatate
  • Segni gastrointestinali
  • Colica
  • gonfiore
  • Letame secco
  • Recumbency (sdraiato)
  • Respirazione difficoltosa

    Diagnosi

    I cavalli sono squisitamente sensibili agli effetti della tossina botulinica, quindi può essere molto difficile fare una diagnosi definitiva. La diagnosi si basa di solito su segni clinici e escludendo altre cause.

    Trattamento

    Può essere molto difficile trattare il botulismo. È possibile utilizzare un'antitossina, ma per essere efficace deve essere usato molto presto nella malattia. In alcuni casi, gli antibiotici possono essere utili.

    Il trattamento più importante è una buona assistenza di supporto e assistenza infermieristica.

    Prevenzione

    Molte delle linee guida per una buona zootecnia sono utili nella prevenzione del botulismo. Butta via ogni cibo che sembra rovinato e non esponi il tuo cavallo a nessuna vegetazione in decomposizione. Assicurati di tenere topi e ratti fuori dal tuo fienile e di eliminare con cura gli animali morti.

    Se ti trovi in ​​un'area endemica della forma tossicoinfettiva di botulismo (puledri di agitatore), il tuo veterinario probabilmente ti consiglierà di vaccinare con Bot Tox-B®.

    Clostridium botulinum è un batterio che è in grado di sopravvivere indefinitamente nel terreno sotto forma di spore. Come spora, è inattivo e protetto. Quando il batterio clostridium trova le giuste condizioni, come la vegetazione in decomposizione o una ferita da puntura, inizia a proliferare e produce una tossina estremamente potente. I cavalli, per ragioni che non capiamo, sono più sensibili a questa tossina rispetto alla maggior parte delle altre specie. Ciò significa che è necessaria una piccolissima quantità di tossina per uccidere un cavallo adulto.

    La tossina

    Tutti i mammiferi usano una sostanza chimica chiamata acetilcolina per agire come segnale dai nervi ai muscoli. I segnali passano dal cervello, ai nervi periferici, e quindi attraverso l'azione dell'acetilcolina, ai muscoli. La tossina del botulismo si lega alle estremità dei nervi e impedisce il rilascio dell'acetilcolina - e il risultato finale è che i muscoli cessano gradualmente di funzionare.

    Poiché l'azione muscolare è importante in molti sistemi di organi diversi, gli effetti del botulismo possono causare il rallentamento del sistema gastrointestinale, la defecazione e l'impossibilità di urinare, oltre a molti altri segni di debolezza muscolare. Una volta che la tossina si è legata alla fine del nervo, non può essere spostata.

    Esistono molti diversi sottotipi di tossina botulinica: quelli di cui ci preoccupiamo nei cavalli sono i tipi B e C. Tendiamo a vedere il C.botulinum di tipo B nel Kentucky, in Pennsylvania e nella zona dell'Atlantico medio, mentre è stato trovato il tipo C principalmente in Florida. Ciò significa che ci sono più casi di botulismo in queste aree. Oltre ai diversi sottotipi, esistono diverse forme di botulismo.

    Avvelenamento da foraggio

    Questo è il tipo più comune di botulismo nei cavalli adulti. Il batterio trova un buon posto per proliferare - spesso vegetazione in decomposizione o carogne. I segni tipici includono debolezza e tremore muscolare, difficoltà a deglutire (disfagia), sbavando, andatura rigida o pungente e rilassamento. Spesso, questi segni miglioreranno temporaneamente con il riposo, per poi diventare nuovamente gravi. I cavalli possono anche presentare segni di coliche, perché il sistema gastrointestinale non funziona più correttamente.

  • Diagnosi

    La diagnosi del botulismo può essere difficile. I cavalli sono molto sensibili alla tossina botulinica e la quantità necessaria per rendere un cavallo molto malato, o addirittura uccidere un cavallo, può essere al di sotto del livello che può essere rilevato. Il miglior metodo di diagnosi è di escludere altre cause dei segni e un attento esame clinico.

    Tuttavia, il veterinario può provare a rilevare la tossina nel siero del tuo cavallo, nel mangime che si sospetta possa causare il problema o, nel caso di un'epidemia in cui alcuni cavalli potrebbero essere già morti, nel contenuto intestinale di quei cavalli .

  • Trattamento

    Con l'avvelenamento da foraggio, i batteri hanno già formato la tossina, che il cavallo mangia. Se la malattia viene rilevata in anticipo, l'antitossina può aiutare. L'antitossina agisce legando la tossina che galleggia libera nel siero. Una volta che la tossina si è legata ai terminali nervosi, l'antitossina è inefficace. Poiché l'avvelenamento da foraggio è dovuto alla tossina preformata, gli antibiotici sono di scarsa utilità.

    Il fondamento del trattamento per le fasi croniche dell'avvelenamento da foraggio è una buona terapia di supporto. Questo può essere sia molto costoso che laborioso. Ad esempio, il cavallo che non riesce a deglutire avrà probabilmente bisogno sia di liquidi per via endovenosa che di supporto nutrizionale. Potrebbe essere necessario mantenere il cavallo in uno speciale apparato di imbracatura ed è probabile che sviluppi piaghe da decubito multiple, nonostante i migliori sforzi del caregiver. Nel caso del cavallo i cui muscoli respiratori sono falliti, sarà necessario iniziare la ventilazione meccanica. Per un cavallo adulto, questo è spesso impossibile anche in un ospedale di riferimento, a causa delle dimensioni del cavallo.

  • Prognosi

    In generale, se i segni progrediscono rapidamente, la prognosi è scarsa. Tuttavia, se i segni progrediscono lentamente, la prognosi è migliore. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che i cavalli con una progressione più lenta dei segni non hanno assorbito la stessa tossina dei cavalli in cui i segni progrediscono rapidamente. Quando i cavalli si riprendono, ci vogliono molte settimane o mesi. Questo perché tutti i terminali nervosi devono sperimentare il loro naturale ricambio per liberare completamente il corpo dalla tossina botulinica. Quando questo accade, molti cavalli hanno perso una grande quantità di peso e hanno muscoli così deboli come risultato sia dell'inattività muscolare sia della mancanza di input nervoso, che il sopravvissuto ha bisogno di un lungo periodo di riabilitazione

    Botulismo tossico-infettivo (puledro shaker)

    È molto probabile che i puledri fino a 8 mesi abbiano ulcere allo stomaco. Queste ulcere sono fondamentalmente una ferita nel rivestimento dello stomaco, che può fornire un ambiente ideale per la proliferazione del batterio clostridium. I puledri, con la loro natura innatamente curiosa, hanno maggiori probabilità di mangiare terra rispetto ai cavalli più anziani, ingerendo così le spore batteriche.

    I puledri shaker sviluppano più o meno gli stessi segni dei cavalli più anziani con botulismo. Uno dei segni più evidenti, che dà origine al nome della sindrome, è il tremito muscolare profondo. Questo tremore muscolare spesso diminuisce con il riposo e ricompare quando il puledro prova a camminare di nuovo. I puledri spesso appaiono più deboli negli arti posteriori. Poiché il sistema nervoso centrale non è interessato, i puledri sono vigili e di solito hanno fame - ma non possono allattare correttamente. Per questo motivo, la polmonite può essere una complicazione secondaria. La scarsa capacità di deglutizione può portare all'aspirazione del latte nei polmoni. Come gli adulti con avvelenamento da foraggio, questi puledri possono apparire colici a causa di un disfunzionale sistema gastrointestinale e possono anche avere difficoltà a urinare. L'ultima causa di morte con questi puledri è di solito la paralisi del sistema respiratorio.

  • Diagnosi

    I puledri dell'agitatore sono ugualmente difficili da diagnosticare. La diagnosi accessoria dovrebbe includere la gastroscopia al fine di determinare se il puledro ha effettivamente ulcere gastriche.

  • Trattamento

    Il trattamento è molto simile all'avvelenamento da foraggio, sebbene sia notevolmente più facile ventilare meccanicamente un puledro che non un cavallo adulto. La terapia antibiotica è più utile con il botulismo tossico-infettivo, poiché potrebbe essere possibile uccidere i batteri che stanno invadendo le ulcere gastriche del puledro e quindi ridurre la quantità di tossina che entra nel corpo. L'antitossina è molto utile se somministrata abbastanza presto. Ha anche senso trattare il puledro in modo aggressivo se sono presenti ulcere gastriche.

  • Prognosi

    Precedenti rapporti hanno indicato che la prognosi è molto scarsa, con una probabilità di sopravvivenza inferiore al 10%. Tuttavia, se esistono strutture per la ventilazione meccanica, l'antitossina viene somministrata in anticipo, vengono erogati antibiotici appropriati e il proprietario è impegnato sul puledro finanziariamente, ci sono buone possibilità di recupero.

  • Prevenzione

    Nelle aree endemiche del botulismo è disponibile un vaccino. Questo vaccino viene somministrato alla cavalla prima del parto. Il puledro ha quindi ricevuto la malattia che impedisce gli anticorpi attraverso il latte materno.

    Avvelenamento da ferite

    Questo tipo di infezione è raro nel cavallo. Simile al tetano, C. botulinum può crescere in ferite, come ferite da puntura.

    La diagnosi, il trattamento e la prognosi sono tutti simili al botulismo tossico-infettivo. La terapia antibiotica è particolarmente importante in questo caso, poiché esiste un'infezione attiva che può essere trattata. Spesso, il veterinario deve essere aggressivo nello sbrigliamento o nell'apertura della ferita, al fine di far entrare l'ossigeno. È solo in assenza di ossigeno che il batterio può prosperare.

    Diagnosi

    Il veterinario eseguirà prima un'anamnesi completa. Probabilmente vorrà guardare i tuoi contenitori per alimenti e ispezionare i tuoi pascoli alla ricerca di cibo marcio o carcasse di animali che potrebbero aver contenuto spore di clostridi. Guarderà il tuo fieno, per vedere se qualcosa, come un topo morto, potrebbe essere stato imballato con il fieno. Ulteriori test possono includere:

  • Esame fisico che comprende un esame neurologico approfondito
  • Emocromo completo per cercare il profilo di infezione e chimica per verificare che tutti gli altri sistemi del corpo funzionino correttamente
  • Il veterinario tenterà di trovare prove della tossina nel sangue o nel cibo del cavallo. Poiché è sufficiente una piccola quantità di tossina per ammalare gravemente un cavallo, potrebbe non essere rilevabile.
  • Alcuni test elettrofisiologici possono essere eseguiti per aiutare a differenziare il botulismo da altre cause di debolezza e tremore muscolare.

    Trattamento

    Se la malattia viene rilevata o sospettata all'inizio del suo decorso, può essere utilizzata un'antitossina. Una volta che la tossina non è più libera nel sangue, l'antitossina non è più efficace. Altri trattamenti possono includere:

  • Gli antibiotici efficaci contro i batteri anaerobici, come la penicillina, possono essere utili se la via di infezione è una ferita o con la forma tossicoinfettiva che si trova nei puledri. Per l'avvelenamento da foraggio, dove la tossina è già presente nel cibo contaminato, gli antibiotici non sono utili.
  • Una buona assistenza infermieristica è estremamente importante. Se un cavallo è sdraiato per lunghi periodi di tempo, inizierà a sviluppare l'equivalente di piaghe da decubito e i suoi polmoni perderanno la loro capacità di scambiare correttamente l'aria. I cavalli che non riescono a deglutire correttamente diventeranno molto disidratati a meno che non ricevano liquidi per via endovenosa o con un sondino nasogastrico. Alla fine avranno anche bisogno di supporto nutrizionale.
  • Poiché il botulismo alla fine può uccidere un animale impedendo ai muscoli respiratori di funzionare, alcuni animali dovranno essere su un ventilatore. Questa è una cosa molto difficile - e talvolta impossibile - da fare con un cavallo adulto.

    Prognosi

    In generale, sembra che i cavalli con una lenta insorgenza dei segni abbiano una prognosi migliore rispetto a quelli in cui la malattia progredisce molto rapidamente. Poiché è più facile fornire una buona assistenza di supporto agli animali più piccoli, i puledri e i pony sembrano avere una prognosi migliore.

    Il recupero completo può richiedere diversi mesi. Quando i cavalli si sono effettivamente ripresi dalla malattia stessa, sono spesso magri, deboli e debilitati e un lento ritorno alla vita normale può richiedere alcuni mesi.


    Guarda il video: ALIMENTAZIONE 23: RICONOSCERE IL FIENO - Equindi? Te lo leggo! - Etologia equina Malavasi (Gennaio 2022).